Il centrodestra si ritrova in piazza. Questa volta indossa le mascherine e misura la temperatura. Ma sono solo in 4mila

Tajani non ha affrontato il tema del Mes che divide Forza Italia dai suoi alleati del centrodestra.

ROMA – Il centrodestra si ritrova ancora una volta in piazza dopo le durissime polemiche create dagli assembramenti incontrollati del 2 giugno. E questa volta ce la mette tutta per rispettare le regole del distanziamento interpersonale imposte dal coronavirus. La protesta contro il governo Conte è ordinata. In piazza del Popolo ci sono quasi 4.300 sedie, gli ingressi sono contingentati, la mascherina è consigliata e ai manifestanti viene misurata la temperatura ai varchi d’accesso. 

Sul palco troneggia il vessillo della manifestazione: ”Insieme per l’Italia del lavoro”. A parlare ci sono il presidente di Forza Italia Antonio Tajani, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il segretario della Lega Matteo Salvini. Hanno tutti un messaggio per il premier Conte, mentre Forza Italia raccoglie anche le firme per la petizione “Berlusconi senatore a vita”, dopo le discusse intercettazioni sul processo Mediaset.  

Sul tema Tajani afferma: «Vogliamo soltanto giustizia per ristabilire la democrazia nel nostro Paese. Se non ci fosse stata quella ignobile sentenza firmata da chi prendeva ordine dall’alto, in Italia oggi ci sarebbe un governo di centrodestra. La via maestra è il voto».